gialli, thriller, spy story

Misteri d’Islanda. Primo capitolo: L’angelo di neve

Misteri d'Islanda
Primo capitolo della saga Dark Iceland

Misteri d’Islanda. Primo capitolo: L’angelo di neve

Autore: Ragnar Jónasson

Traduttore:

 

 

Siglufiordur, 1200 abitanti, nell’Islanda settentrionale, è un grazioso borgo di pescatori.

Fino agli anni ’50 del secolo scorso era rinomato per la pesca e la produzione di arringhe e contava ben tremila abitanti, poi sopraggiunse la crisi e molti abitanti emigrarono altrove.

Ammantato di neve per gran parte dell’anno, è l’utimo posto in cui commettere un omicidio. O forse no…

In questo paese calmo e rassicurante prendono vita i protagonisti di Misteri d’Islanda, la nuova saga letteraria proveniente dal Nord Europa.

Al centro della vicenda c’è l’attività della locale filodrammatica fortemente voluta dal vecchio Hrolfur Kristiansson, autore di poesie e novelle, ma principalmente di un romanzo, “Al di là delle colline” con il quale ottenne un grandissimo successo ben al di fuori dei confini nazionali. Il giovane Hrolfur  viaggiò per il mondo, per pigrizia non pubblicò altri romanzi e quando il successo cominciò a scemare tornò nel suo villaggio.

Tutto sembra procedere per il meglio fino a quando Hrolfur muore cadendo dalle scale del locale teatro durante la pausa  delle prove del nuovo spettacolo.

“È stato un’incidente” tuona Tómas, il capo della polizia locale.

Àri Por, il suo giovane collega venuto dalla capitale, nutre forti dubbi.

Le divergenze tra il giovane cittadino e il maturo collega originario di Siglufiordur sono evidenti ma non sfociano mai in uno scontro.

Di certo non agevolano l’inserimento del giovane poliziotto che nella capitale ha lasciato Kristin, la sua giovane compagna.

Da una parte lo attanaglia la claustrofobìa, accentuata dalle continue nevicate che mettono a dura la jeep della polizia; dall’altra parte la presenza di Ugla, una ragazza proveniente da Patreksfiordur, e dunque forestiera come lui, lo incuriosisce oltre ogni limite.

I suoi problemi, però, non interferiscono con il lavoro e ciò rappresenta un fatto positivo.

La morte del vecchio Hrolfur ha strappato il velo dell’apparente calma che ammantava il paese ma è il ritrovamento del corpo di una donna distesa in una pozza di sangue nel giardino di casa a convincere Tómas che dietro quella calma apparente si nasconde una fitta ragnatela di bugie, segreti e rancori.

Secondo me Misteri d’Islanda è una saga meritevole di attenzione, anche se in Italia sono usciti soltanto i primi du volumi della serie: L’angelo di neve e I giorni del vulcano.

Ecco il link per l’acquisto

L’angelo di neve

 

 

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: